Donne e stereotipi

ISKRA propone, dal sito “essere donne”, quest’articolo… Buona lettura!   Girando per il web mi sono imbattuta in una frase che avrebbe dovuto risultare ironica e divertente, ma che mi ha invece, onestamente, spiazzata e infastidita.La frase in questione è: “Chi dice che la donna deve stare in cucina, probabilmente è perchè non sa cosa farci a letto.”Apparentemente risulta “allegramente offensiva” nei … Continua a leggere

Mission Monti e il balzacchiano-craxiano flogisto CGIL del governo di Napolitano “complice” di Craxi nella lotta contro Berlinguer e il PCI

   foto MOWA da Angelo Ruggeri Mattinale.  Mentre con Arafat riemergono i dubbi sull’assassinio e le morti c.d. “strane” – da Mattei a Moro a Berlinguer a Olaf Palme (ecc.: da Lumumba ad Allende) – e quindi sull’esistenza del “caso nella storia”, inizia la seconda parte della “mission Italia” del governo-Bilderberg di Monti-Napolitano, di demolizione “tecnica”del sistema costituzionale-istituzionale e politico-sociale italiano. Secondo la … Continua a leggere

Nichi Vendola abuso d’ufficio, chiesto il rinvio a giudizio…

Da quando hanno introdotto il maggioritario i Formigoni si riproducono e unificano, nel malcostume politico, l’Italia.Chissà se prima di andare davanti ai giudici gli verrà anche a loro un provvidenziale malore e a posteriori avranno una difesa politica dal Colle?I servi sciocchi del sistema, come i Vendola e i Formigoni, troppo impegnati a pavoneggiarsi davanti ai media, piuttosto che studiare … Continua a leggere

“Ilva:nessuna deroga alla salute”

 Sergio Bellavita : Capisco i lavoratori dell’Ilva di Taranto che stanno protestando contro le decisioni della magistratura sulla  fabbrica dei veleni. Quando il ricatto e’ tra lavoro velenoso e miseria si sa cosa prevale.  Capisco i lavoratori ma non capisco le grandi organizzazioni sindacali. La salute, la sicurezza sono diritti dai quali non si può e non si deve derogare. Quegli stessi diritti, minimi peraltro, … Continua a leggere

Quale finanziamento per quali partiti e quale democrazia – 7^ ed ultima parte

   foto MOWA di Angelo Ruggeri 14) Un “tipo” di finanziamento coerente con una democratizzazione dei partiti e con la sovranità popolare e legittimi il ruolo della base sia dei partiti e del sociale–territoriale, sarebbe PROPEDEUTICO anche alla AUTONOMIA SINDACALE E DEI LAVORATORI, ormai espropriati anche del diritto di sciopero, che si può ottenere rilanciando grandi organizzazioni di massa, unite tra … Continua a leggere

Quale finanziamento per quali partiti e quale democrazia – 6^ parte

   foto MOWA di Angelo Ruggeri PER UNA “GRANDE RIFORMA” DEMOCRATICA DEI PARTITI, NON DELLA COSTITUZIONE  Proprio a partire da quella che, già dieci anni dopo il piccolo scarto verificatosi nel referendum del 1978 sul finanziamento, veniva detta “la crisi dei partiti”, si può sviluppare un ragionamento che ci consenta di cogliere, nelle dinamiche del processo storico politico dell’ultimo trentennio, … Continua a leggere

Dimmi che simbolo fai e ti dirò chi sei

Osvaldo Payà, dissidente cubano deceduto in un incidente stradale, saluta formando con l’indice e il pollice della mano la lettera L che guarda caso è identica nel simbolismo massonico alla livella o squadra. Yoani Sànchez, dissidente cubana, fa lo stesso saluto di Payà. Massoneria: squadra e compasso Toni Negri (*) nostrano eversore atlantico, come Payà e la Sanchez, si fa riconoscere dalla rete … Continua a leggere

Quale finanziamento per quali partiti e quale democrazia – 5^ parte

   foto MOWA di Angelo Ruggeri 10) Per un finanziamento non più antitetico al potere dal basso della democrazia Come si è visto, tra le forze politiche più favorevoli all’attuazione di quello che veniva considerato “un dovere dello stato verso la società”, già nell’imminenza dell’emanazione della prima legge sul finanziamento pubblico, serpeggiava il sopra ricordato opposto tipo di dubbio che è … Continua a leggere

I tentacoli di Riad

Esteri 23/07/2012  analisi Soldi e guerre per procura così l’Arabia Saudita conquista il Medio Oriente Il re Abdullah bin Abdulaziz al Saud   Vittorio Emanuele Parsi Non hanno sparato un solo colpo, non hanno concesso nessuna sostanziale riforma, non credono nella democrazia comunque declinata e sono interessati solo all’aspetto tecnologico della modernità. Sono stati appena sfiorati dal vento delle intifadas che … Continua a leggere