Leghe e i sistemi criminali nati nelle campagne di Enna

 

 

 

 

Sezioni comuniste Gramsci-Berlinguer

per la ricostruzione del P.C.I.

Come funziona l’eterodirezione massonica della società e della politica.
Per comprendere meglio chi ha foraggiato i sistemi criminali massocapitalisstici nel nostro Paese vi allego un mio articolo del 1996.
E oggi chi foraggia, organizza e gli scrive i programmi alle attuali formazioni politiche, tutte dirette da capitalisti?
Saluti comunisti
Andrea Montella

I sistemi criminali nati nelle campagne di Enna

Prima della Trattativa – Dalle “Leghe” del Sud ideate dal professor Miglio all’offensiva contro lo Stato

Miglio-Gianfranco-1918---2001

 

di Giuseppe Lo Bianco

L’hanno chiamata “un calderone morto”, un “paradigma” – o, più dottamente, come ha fatto il giurista Giovanni Fiandaca, “un inquisitio generalis che andava alla ricerca di ipotesi di reato” – ma in realtà Sistemi criminali condotta dalla procura di Palermo fu l’inchiesta giudiziaria che fotografò per prima con profetica lucidità ciò che accadde nel biennio stragista tra le due sponde dello Stretto. E, cioè, il progetto eversivo elaborato nelle campagne di Enna nell’autunno-inverno del 1991 con il collante massonico che prevedeva al Sud una federazione di leghe controllate da poteri criminali (e teorizzato da Gianfranco Miglio, l’ideologo di Umberto Bossi) trovando una sponda finale nell’attacco all’Arma dei carabinieri da parte dei calabresi, poi rientrato in coincidenza con la nascita di Forza Italia.

Fu il passaggio dalla Prima alla Seconda Repubblica a suon di bombe e quell’inchiesta, pur conclusa con un’archiviazione, tracciava con una mole impressionante di documenti le linee guida storico-giudiziarie, per anni ignorate dal negazionismo generale, oggi confermate dall’operazione della Procura di Reggio che ha finalmente scoperto una struttura di vertice della ’ndrangheta supersegreta. Fu il pentito Gaspare Spatuzza a rilanciare il collegamento tra gli omicidi in divisa calabresi e la pianificazione eversiva siciliana, rivelando le parole del suo boss: “Graviano – racconta Spatuzza – mi disse che dovevamo fare la nostra parte perché i calabresi si sono mossi uccidendo due carabinieri e anche noi dovevamo dare il nostro contributo”. L’ordine arriva a Campofelice di Roccella e Spatuzza si muove per organizzare l’attentato dello stadio Olimpico: “Dovevamo abbattere i carabinieri e quello era il luogo dove potevano essercene molti, almeno 100-150”, ha detto il pentito, che ha sempre detto di non conoscere le ragioni di quell’attentato dall’impronta terroristica. Lo scoprì poi quando riferì in carcere sempre a Graviano, “alcune lamentele soprattutto di napoletani e di qualche calabrese” che “attribuivano a noi siciliani la responsabilità del 41bis… all’ala stragista”. E in quell’occasione Graviano replicò: “È bene che parlassero con i loro padri che gli sanno dare tutte le indicazioni”. Si riferiva ai “responsabili, i capifamiglia” in Calabria e in Campania “tutti partecipi a questo colpo di Stato”.

E ora che il procuratore nazionale Franco Roberti parla apertamente di Trattativa Stato-mafia, andranno rilette anche le ragioni dell’omicidio di un altro magistrato: Antonino Scopelliti, sostituto procuratore generale della Cassazione e pg contro Cosa nostra nel maxi-processo, prologo di sangue, nell’agosto del ’91, dell’inedita alleanza tra boss siciliani e ’ndrangheta, insieme a pezzi deviati delle istituzioni, nell’attacco allo Stato.

giovedì 27/07/2017

°°

Cominform

La Lega e il club 1001

Andrea Montella

(1996)

 

(Milano). Chiuso il congresso della Lega, restano negli occhi i decori da falso festivalone nazional popolare e gli aspetti inquietanti del partito politico che riesce a lanciare parole d’ordine che aggregano masse di manovra.

Da una parte le immagini della platea vestita di verde, che sventola le bandiere prontamente stampate da chissà quale “fabbrichetta” al di qua del Po, dall’altra l’istigazione a delinquere dello sciopero fiscale e dell’indicazione ai sindaci di non giurare nelle mani dei prefetti.

E poi gli slogan della secessione “consensuale”, l’autodeterminazione della “padania” (?), la rivoluzione liberale, frasi studiate che attecchiscono con facilità su quelle porzioni di popolazione italiana su cui “centri studi” esteri e nazionali hanno sicuramente lavorato per adattare bisogni di grandi potentati economici, all’incultura presente in queste aree geografiche e costruire così la miscela esplosiva che va sotto il nome di secessione.

Le basi materiali della secessione si stanno costruendo con la perdita di potere contrattuale dei lavoratori e delle loro organizzazioni e dall’altra parte con la disarticolazione e riaggregazione in termini privatistici dell’industria di Stato in tutti i suoi comparti. In questo modo sparisce il collante di una nazione, l’interesse generale, e i partiti diventano solo una volgare espressione dei bisogni dei grandi gruppi finanziari.

L’esempio di Forza Italia è quello più evidente, ma anche altre formazioni politiche non sono da meno.

Con varie articolazioni il grande capitale finanziario riesce a costruire diverse opzioni ai suoi bisogni.

La Lega non è che una di queste espressioni costruite dai padroni del mercato che vogliono ottenere da un lato la precarizzazione del moderno proletariato togliendogli tutte le conquiste degli anni precedenti, come le pensioni di anzianità, che nel frattempo, privatizzate, sono un vero e proprio affare.

E’ per queste ragioni che nel nostro Paese si sta assistendo a vere e proprie manovre contro lo Stato nazionale.

Vediamo ora di capire chi ha lavorato a questi progetti.

Nel 1989 in contemporanea con il dissolvimento dei Paesi dell’Est sancito dalla caduta del Muro di Berlino, e con la scomparsa di un “nemico” il Comunismo, uno dei club più esclusivi e ad alta concentrazione massonica, il Club 1001, affidò ad Alfred H. Heineken uno studio di fattibilità per un progetto di dissolvimento degli Stati nazionali europei, il nuovo nemico.

Il proprietario della omonima birra, membro del consiglio di amministrazione della ABN, una delle banche più importanti d’Olanda, portò a termine il suo studio con la collaborazione dello storico e agente del SIS britannico Cyril Northcote Parkinson e lo pubblicò in forma riservata in un opuscolo dal titolo: “Eurotopia“. (riportato sotto)

In quello studio Heineken suddivise l’Europa in 75 piccoli stati secondo criteri demografici e che non superassero i 5 milioni di abitanti. Il nostro Paese doveva essere diviso in 8 staterelli.

A pochi anni di distanza, nel novembre 1994, appare il progetto del leghista Speroni, che prevede la divisione del nostro Paese in 9 stati, regalandone, bontà sua, uno a Roma capitale.

 

Altri personaggi inseriti nel Club 1001 che lavorano a progetti separatisti sono lord David Benson, che siede nel consiglio di amministrazione della British Gas, ex monopolio statale, e sir Kenneth Kleinworth che tramite la loro banca, (Kleinworth & Benson) annunciarono, nel 1994, di essere intenzionati ad acquistare oltre il 50 per cento dell’Agip e della Snam quando i due enti fossero stati messi in vendita.

 

Nel 1994 un altro membro del Club 1001, Nicolò Sella (discendente di quel Quintino Sella che regalò le camicie rosse al massone Garibaldi e che poi divenne ministro delle Finanze), proprietario della banca Sella, la più grande banca privata italiana gestita da una sola famiglia, fonda un movimento politico chiamato Associazione per le libertà che riunisce parlamentari della Lega, Forza Italia, Alleanza nazionale e dell’ex Patto Segni, con lo scopo di diventare il contenitore del futuro partito federalista di destra.

Viene scelto come portavoce l’ex pattista Alberto Michelini, per segretario l’ex leghista Giuseppe Valditara e tra i suoi membri troviamo: Raffaele Costa (UDC), i pannelliani Elio Vito e Angelo Pezzana, Maurizio Gasparri e Gustavo Selva (AN), Ombretta Fumagalli Carulli e Michele Vietti (CCD), Alessandro Meluzzi e il generale Caligaris (Forza Italia), Tino Rossi, Furio Gubetti, Alida Benedetto, Lelio Cantella, Giovanna Briccarello, Bruno Matteja, Pier Corrado Salino, Maria Grazia Siliquini, Luca Basso, Enrico Hullweck e Paolo Tagini per la Lega Nord.

 

Altro notabile del Club 1001 è Gianni Agnelli che promuove, tramite la sua Fondazione, lo stesso progetto di Heineken mascherato dal “federalismo” e con un taglio meno radicale, ma che punta a privare lo Stato del potere fiscale per arrivare a trasformare il debito pubblico in debito privato, che dalle famiglie, attraverso le autorità locali, sarà agganciato ai mercati finanziari.

Comunque Agnelli il federalismo lo applica soprattutto regolando a modo suo il mercato del lavoro introducendo nelle sue fabbriche, collocate in varie regioni, differenziazioni salariali, esattamente come auspicano i politici della Lega, che da anni vogliono salari più bassi nelle aree meriodionali.

 

L’obiettivo di queste manovre del capitale finanziario è la disgregazione dell’Europa passando attraverso la distruzione delle capacità di coesione che i movimenti di massa di sinistra hanno costruito negli ultimi due secoli. L’Europa ha la più forte società solidaristica che oggi il mondo conosca, mutuata dalle grandi organizzazioni sindacali di massa, dai partiti di sinistra e dal volontariato cristiano e laico.

 

Salvarci dagli effetti devastanti della secessione lo può fare solo una sinistra fortemente critica nei confronti dei veri manovratori che stanno dietro ai vari Bossi o Miglio e quali sono gli scopi economici che essi sottendono, che sappia lottare con coerenza negli ambiti istituzionali, ma soprattutto che sappia costruire un contropotere economico reale, fondato sulle risorse del lavoro.

 

Dobbiamo rivendicare l’uso del risparmio e delle pensioni accumulate dai lavoratori per usi produttivi, dobbiamo togliere dalle mani della speculazione queste quote enormi di denaro. Dobbiamo costruire vere e proprie banche del lavoro che sappiano progettare investimenti in settori socialmente utili e in tecnologia avanzata, che sappiano fare controinformazione a tutto campo e che si rapportino con i Paesi poveri, possessori di materie prime, in modo solidaristico ed egualitario. Bisogna, oggi, essere capaci di iniziare un lavoro di questa portata, perché è l’unica strada capace di spezzare l’accerchiamento a cui siamo sottoposti dalle forze della destra nelle loro varie articolazioni e che può unificare in tempi non biblici il proletariato europeo per arrivare alla ricostruzione di un’ organizzazione internazionale dei lavoratori.

Penso che il compito a noi assegnato sia proprio quello di costruire uno studio di fattibilità dal profilo alto, che sia capace di unificare tutte quelle componenti critiche della sinistra italiana, presenti oggi in modo trasversale in tutte le formazioni e che si rendono conto della gravità della situazione per cui non si deve marciare in ordine sparso.

giovedì 27/07/2017

I sistemi criminali nati nelle campagne di Enna

Prima della Trattativa – Dalle “Leghe” del Sud ideate dal professor Miglio all’offensiva contro lo Stato

 

Eurotopia

Leghe e i sistemi criminali nati nelle campagne di Ennaultima modifica: 2017-08-01T05:08:41+00:00da iskra2010
Reposta per primo quest’articolo