L’internazionale dei capitalisti, la massoneria contro il Venezuela e Nicolás Maduro

 

Sezioni comuniste Gramsci-Berlinguer

per la ricostruzione del P.C.I.

di Andrea Montella

Carissime compagne e compagni

come potete leggere nell’articolo sotto riportato, il partito chiesa dei massocapitalisti la massoneria, scende in campo contro il proletariato del Venezuela e il suo legittimo governo e presidente Nicolás Maduro.

Oggi è sempre più chiaro ai comunisti che l’imperialismo trova la possibilità di esistere grazie all’infiltrazione nei governi di ogni Stato da parte dei suoi agenti internazionali: i massoni. Diventa quindi fondamentale per il proletariato internazionale dotarsi di una politica capace di costruire in ogni paese il Partito Comunista per giungere alla ricostruzione dell’ Internazionale proletaria.

Difendere gli interessi immediati e storici dei proletari, classe maggioritaria in tutto il mondo, dalla dittatura del Nuovo Ordine Mondiale massocapitalista significa ricostruire nel nostro paese il Partito Comunista di Gramsci, Togliatti, Longo e Berlinguer, significa riprenderci la nostra Costituzione del 1948, non riconoscere l’attuale governo e la sua politica economica ed estera e il sistema dei partiti filocapitalisti sorti dal golpe piduista, iniziato con l’uccisione di Aldo Moro e poi di Enrico Berlinguer, proseguito con le stragi del 1992-93 e la trattativa Stato-mafia, che ha introdotto un sistema elettorale anticostituzionale maggioritario.

Quindi se vogliamo aiutare i compagni del Venezuela e i nostri proletari, alle prossime elezioni del 4 marzo, andiamo a votare perché è una conquista proletaria, ma annulliamo la scheda scrivendoci:

W il P.C.I., W la Costituzione, W la Resistenza.

La cosa più urgente da costruire qui da noi è che i lavoratori ritornino a praticare lotte con piattaforme unitarie e sappiano essere la classe dirigente alternativa a quella padronale, sapendo mettere al centro l’obiettivo dell’autogestione delle fabbriche, che per le industrie in crisi vuol dire applicare gli articoli 41, 42 e 43 della Costituzione, in quanto unica soluzione positiva alla crisi di sovrapproduzione prodotta dai massocapitalisti.

 

(ASi) “La Gran Loggia d’Italia degli Antichi Liberi Accettati Muratori, Obbedienza di Piazza del Gesù Palazzo Vitelleschi, nel 2012 ha sottoscritto un trattato di amicizia con la Gran Loggia Sovrana degli A.L.A.M. del Venezuela.
Nell’osservanza della lettera e dello spirito di quel trattato la GLDI denuncia alla pubblica opinione italiana l’incredibile guerra civile che, allo stato, insanguina quel Paese e che, in questo contesto, la persecuzione in atto contro la Gran Loggia Sovrana degli A.L.A.M. del Venezuela, ha causato anche la barbara e dolorosa uccisione di due Fratelli. La GLDI invita il Governo italiano a porre in essere tutte le misure necessarie per riappacificare quel Paese, rinnovando ai fratelli venezuelani, a tutto il popolo e agli oppositori dell’attuale regime dittatoriale sentimenti fraterni di solidarietà e vicinanza, esprimendo nel contempo l’auspicio che, in quella terra martoriata, ritorni a spiegare presto il vento della libertà, secondo l’insegnamento e l’esempio immortale di Simon Bolivar”. E’ quanto dichiara con una nota la Gran Loggia d’Italia.

L’internazionale dei capitalisti, la massoneria contro il Venezuela e Nicolás Maduroultima modifica: 2018-02-02T05:43:50+00:00da iskra2010
Reposta per primo quest’articolo