L’anticomunismo viscerale e la presunta morte di Fidel Castro

Ancora una volta l’anticomunismo viscerale e gli avvoltoi che pilotano le fonti capitaliste sono state sbugiardate.
Fidel Castro è ancora vivo e sorride insieme a noi della inciviltà capitalistica.
I famosi dissidenti cubani come Alberto Muller dimostrano tutto il loro squallore e il loro spessore intellettuale.
Visto che la morte di un essere umano li riempie di gioia e li esalta così tanto perché non tengono la contabilità dei morti fatti dai satrapi della globalizzazione capitalistica che uccide per fame, malattia, guerra un bambino ogni 5 secondi.
Saluti comunisti
Andrea Montella

La stampa_it.jpg

 21/10/2012 

Si rivede Fidel: ecco la foto per smentire la morte
Fidel Castro vivo e vegeto.jpg

Le notizie sulla rete che lo danno per morto o moribondo ormai non si contano più. Ma Fidel Castro le ha regolarmente smentite tutte. E anche questa volta, quando su internet e Twitter già si parlava di un suo coma irreversibile, il vecchio Comandante, 86 compiuti ad agosto, è riapparso in pubblico in un hotel dell’Avana in compagnia dell’ex vice presidente venezuelano, Elias Jaua. Che ha mostrato anche una foto dell’incontro in cui si vede un Fidel seduto e sorridente con un cappello da contadino in testa.

«Fidel sta bene, abbiamo trascorso cinque ore a parlare di politica, turismo e altro. È stato così gentile da venirmi a trovare all’hotel Nacional, dove alloggio», ha detto Jaua. E la versione è stata confermata anche dalla direttrice dell’albergo che sovrasta il Malecon, il lungomare dell’Avana. «Fidel Castro è stato qui ieri sera, ha accompagnato un ospite e si è trattenuto a chiacchierare con lo staff dell’albergo per circa mezz’ora», ha detto Yamila Fuster, che non era presente all’incontro.«Mi hanno detto che stava bene. Indossava una camicia a quadri e un cappello», ha aggiunto. Ma nella foto mostrata da Jaua, Fidel indossa qualcosa di scuro.

La direttrice del Nacional non ha voluto rivelare il nome dell’ospite venezuelano con cui si è intrattenuto Castro, fino a quando non è stato lo stesso Jaua a confermare l’incontro e a mostrare alla stampa straniera all’Avana la foto con il lider maximo e altre persone. L’auto di Jaua, con targa diplomatica venezuelana, era stata effettivamente notata da alcuni giorni davanti all’hotel. Un giornalista dell’Ap ha chiesto al governo cubano di confermare la notizia della visita di Fidel in albergo, ma il portavoce ha detto di rivolgersi alla direzione del Nacional. Niente conferma ufficiale, quindi.

Nei giorni scorsi, un blogger venezuelano aveva diffuso la notizia che Castro era moribondo. Lo stesso blogger, Nelson Bocaranda, che aveva dato per primo la notizia del tumore di Chavez, in passato ha dato per morto Fidel almeno un paio di altre volte. Ma il Lider maximo è sempre riuscito a sfuggire ai vari funerali che i suoi avversari gli hanno organizzato negli anni. Soprattutto gli esuli della Florida.

Una lettera firmata da Fidel è stata pubblicata dalla stampa cubana, controllata dal regime, giovedì scorso, in occasione dei 50 anni della crisi dei missili a Cuba. Sia la sorella Juanita che il figlio Alex hanno smentito ripetutamente le voci di un repentino aggravamento dello stato di salute di Fidel. Juanita Castro, che vive a Miami, le ha definite «pure speculazioni, assurde».

L’anticomunismo viscerale e la presunta morte di Fidel Castroultima modifica: 2012-10-26T10:00:00+02:00da iskra2010
Reposta per primo quest’articolo