I massocapitalisti si lamentano del prezzo da pagare per l’oppio dei popoli

Sezioni comuniste Gramsci-Berlinguer
per la ricostruzione del P.C.I.

 

 

di Andrea Montella

Carissime compagne e carissimi compagnileggendo The Guardian si scopre che il segretario del Dalai Lama, Tenzin Dhonden, è stato accusato di corruzione e rimosso dal suo incarico, un incarico durato ben 15 anni.Le accuse al monaco partono da un imprenditore statunitense, Daniel Kranzler, residente a Seattle.

Secondo l’imprenditore, Tenzin Dhonden, gli avrebbe estorto, tra il 2005 e il 2008, ingenti somme di denaro.

Una delle estorsioni fatte dal monaco sarebbe avvenuta in occasione di un evento da svolgersi nella città di Washington con la presenza, dietro un lauto finanziamento, del Dalai Lama.

Possibile che “la grande anima” non si fosse accorto di nulla? Si vede che stare troppo in meditazione e praticare il Nam-myoho-renge-kyo si perde il senso della realtà, come quando si fa uso di stupefacenti.

Saluti comunisti

Foto: Il lama Tenzin Dhonden in piacevole compagnia di Allison Mack

I massocapitalisti si lamentano del prezzo da pagare per l’oppio dei popoliultima modifica: 2017-11-01T04:50:23+01:00da iskra2010
Reposta per primo quest’articolo