Le falsità di Alessandro Pascale uscite su Marx XXI

Sezioni comuniste Gramsci-Berlinguer

per la ricostruzione del P.C.I.

Risposta all’articolo “Un bilancio politico della segreteria Berlinguer” contenente molte falsità su Enrico Berlinguer, uscito su MARX XXI, di Alessandro Pascale seguace del rossobruno Costanzo Preve e militante del PRC e membro del Comitato politico nazionale.

di Paola Baiocchi e Andrea Montella

Carissime compagne e compagni

come possiamo rispondere allo scritto di Pascale con animo sereno e mosso da quella prassi tipica dei comunisti di essere sempre disponibili al confronto e al chiarimento, quando il Pascale si fa portavoce di critiche a Enrico Berlinguer che sono delle falsità, tutte interne alla propaganda massocapitalista e animate da quell’anticomunismo atlantico che hanno rovinato quelle generazioni degli anni Settanta e che oggi sono ancora circolanti in formazioni come il PRC, il PC di Marco Rizzo, il PCI senza i tre puntini, i gruppi bordighisti e trotskisti, negriani, brigatisti e anarco-movimentisti, insomma tutto quel mondo che ha fatto della lotta al P.C.I. di Gramsci, Togliatti, Longo, Berlinguer, della Resistenza e della Costituzione, insieme al grande capitale massocapitalista, la sua missione?

Vorremmo cominciare quindi ad esaminare la più grande delle falsità contenuta nel paragrafo “Quali sono stati però i suoi grandi errori?”. Al punto 6 si afferma: «La gran parte degli errori precedenti dipende in ultima analisi dall’adesione ad un progressivo revisionismo ideologico che ha portato all’abbandono del marxismo-leninismo. Il dato è simboleggiato esplicitamente nel XIV Congresso del PCI del 1975, nel quale Berlinguer in persona propose e fece passare la modifica dello Statuto del Partito, eliminando i riferimenti all’ideologia marxista-leninista (articolo 5) per affermarne la “laicità”».

Vi allego le pagine dello Statuto chiamato in causa dal Pascale, dove il marxismo-leninismo e messo in forte evidenza:

Davanti alle prove documentali, che sbugiardano tutti i Pascale, i Rizzo e soci, si possono definire costoro dei comunisti? Per i comunisti la verità è uno dei fattori fondamentali per la Rivoluzione. Le balle spaziali di costoro possono essere degne di ulteriori considerazioni e smentite?

Noi questo sforzo come compagni delle Sezioni comuniste Gramsci-Berlinguer per la ricostruzione del P.C.I. lo abbiamo fatto con il libro Ipotesi di complotto? Le coincidenze significative tra le morti e le malattie dei segretari del PCI e l’attuale stato di salute dell’Italia Carmignani Editrice, che abbiamo scritto dopo approfondite letture e discussioni e che invitiamo i compagni a leggere e usare per approfondire la conoscenza della nostra storia e dove si trovano le risposte a tutte quelle falsificazioni su il Compromesso storico, la Nato, l’Eurocomunismo, l’Austerità, l’Urss, Napolitano, Cossutta, Occhetto, ecc, riportate nel testo di Pascale e mutuate dal maestro di Diego Fusaro, il rossobruno Costanzo Preve.

Siamo aperti a un confronto politico sulle pagine che abbiamo scritto, ma non possiamo tollerare che vengano pubblicate falsità storiche così pacchiane.

Saluti comunisti

Le falsità di Alessandro Pascale uscite su Marx XXIultima modifica: 2018-05-31T05:59:24+02:00da iskra2010
Reposta per primo quest’articolo