Ordo ab Chao – Ordine dal caos

Sezioni comuniste Gramsci-Berlinguer

per la ricostruzione del P.C.I.

 

“Dobbiamo distruggere tutto, senza riguardo per alcuno, pensando solamente questo: il più possibile e il più presto possibile”.

Jean Adam Weishaupt, fondatore dell’Ordine degli Illuminati

di Andrea Montella

Che i massocapitalisti siano i massimi teorici della politica del caos, per giungere ad un ordine a loro più confacente, è risaputo da tempo.

L’articolo sotto riportato ne è una chiara dimostrazione.

Che in Ucraina ci sia stato un golpe di estrema destra è ampiamente dimostrato da inchieste giornalistiche coraggiose e da abbondanti documenti filmati. Dalle inchieste è anche emerso che dietro ai nazifascisti ucraini al potere oggi ci sono il duo Usa-Nato e speculatori internazionali come George Soros.

Ma l’elemento in più che l’articolo contiene è che i nazifascisti siano nel Donbass anche a combattere contro i loro fratelli di loggia ucraini; questo ci deve far pensare su come le forze politiche reazionarie, come la Lega di Matteo Salvini e i nazifascisti, siano lo strumento di quella politica del caos tanto utile ai massocapitalisti, ai vertici del potere mondiale, nel ridisegnare i confini delle nazioni, nel vendere armi, droga, riciclare denaro malavitoso, trafficare in organi, opere d’arte, ecc..

Mi sembra che in Russia, come da noi si pratichino le teorie del fondatore della più potente banca d’affari mai esistita, Mayer Amschel Rothschild: “La nostra politica è quella di fomentare le guerre, ma dirigendo Conferenze di Pace, in modo che nessuna delle parti in conflitto possa avere guadagni territoriali. Le guerre devono essere dirette in modo tale che le Nazioni, coinvolte in entrambi gli schieramenti, sprofondino sempre di più nel loro debito e, quindi, sempre di più sotto il nostro potere.”

Ma la Russia di Putin, che a maggio ha festeggiato, in pompa magna, la vittoria contro il nazifascismo, permette a questi criminali, amici di Salvini, Fiore e Gnerre, di girare tranquillamente sul proprio territorio e fare convegni?

Questa è la coerenza della Russia capitalista che piace all’ultrareazionario Salvini e alla fascista Irina Osipova.

Dopo il crollo del Muro è passata anche lì la nebbia massocapitalista ed ha devastato, come da noi, i cervelli di quel popolo e nessuno protesta?

In Italia, come in Russia, molti hanno le idee confuse, come quei partitucoli pseudocomunisti, che hanno costruito rapporti e fatto iniziative con i neonazisti di Millenivm-Pce di Orazio Maria Gnerre, ben definiti negli scopi e nei disvalori in diversi articoli usciti a suo tempo su iskrae.eu e che oggi ritroviamo su il Fatto Quotidiano.

In Russia ci vorrà sicuramente una seconda Rivoluzione comunista, una non è stata sufficiente, ma anche in Italia, come nel resto d’Europa, ci vorrà una seconda lotta di Liberazione antifascista per ridarci la speranza di un futuro migliore.

Saluti comunisti

 

________________________________________

La rete di Irina Osipova: Dio, patria, Donbass (e Salvini)

Italia-Russia Nelle carte dell’inchiesta di Genova emerge il ruolo di raccordo della giovane moscovita nel mondo della destra nostrana

 

In viaggio a Mosca Matteo Salvini con Irina Osipova fotografati sulla Piazza Rossa  

La missione di Matteo Salvini a Mosca nel 2014

 

di Andrea Palladino

Sono destini incrociati, storie, sigle e personaggi che tornano. Con un punto zero, una sorta di camera di compensazione. San Pietroburgo, Russia. È il marzo del 2015, il Forum Internazionale Conservatore promosso dal partito nazionalista Rodina richiama gli esponenti principali dell’estrema destra europea. Ci sono le sigle della galassia nera di Italia, Svezia, Spagna, Germania, Bulgaria, Grecia. Nell’elenco degli oratori c’è, tra gli altri, Roberto Fiore, il leader di Forza Nuova. E in platea la giovane moscovita, Irina Osipova, che l’Italia la conosce benissimo. Figlia di Oleg Osipov, presidente del centro Rossotrudnichestvo di Roma (Centro Russo di Scienza e Cultura), donna che da anni svolge un ruolo di raccordo nel mondo in fermento della destra italiana. Si candida alle comunali di Roma per Fratelli d’Italia, flirta con la Lega, lavorando, nel 2015, al polo sovranista – poi fallito – ovvero l’alleanza tra il partito di Salvini e Casapound. Stretto il legame con Matteo Salvini, che accompagnerà nel suo viaggio in Russia del 2014, quando la Lega avviava il rapporto con Vladimir Putin.

La donna dei contatti, tra destra e Donbass

Il nome di Osipova appare nelle carte dell’inchiesta della Dda di Genova – non è indagata – come una delle figure di rilievo nei rapporti tra l’Italia e il Donbass, il fronte ucraino dove finivano i mercenari filo russi colpiti da un’ordinanza di custodia cautelare. Due gli episodi significativi citati dai magistrati. L’importanza dell’incontro del 2015 a San Pietroburgo – luogo, prima di tutto, di contatti – con la presenza registrata di due indagati dell’inchiesta genovese, Orazio Maria Gnerre – leader dell’organizzazione di estrema destra filoucraina Millenivm-Pce – e Luca Pintaudi. E, soprattutto, un’intervista del 2014 a Andrea Palmeri, alias “il generalissimo”, realizzata da Osipova per il sito dell’associazione dei giovani russi in Italia Rim. Una specie di Rambo della destra italiana, che da latitante mercoledì mattina ironizzava su Facebook: “Sì sono un terrorista, lo ammetto”, pubblicando foto che lo ritraggono mentre distribuisce viveri nel Donbass. I magistrati, poi, sottolineano anche il peso politico che aveva la giovane italo-russa tra il 2014 e il 2015: “Sta collaborando al lancio di Sovranità, la forza politica di cui è promotrice Casapound nell’ambito della sua alleanza con la Lega Nord”.

Osipova intervista Andrea Palmeri il 9 ottobre 2014, come ricordano i magistrati: “Premetto che la scelta di andare a combattere nel Donbass – si legge sul sito di Rim – non è stata una scelta di impulso, ma ho meditato a lungo”. Palmeri è una vecchia conoscenza per le forze di polizia, volto ben conosciuto degli ambienti radicali della destra di Lucca: “Noto skinhead, ex capo del gruppo ultras lucchese denominato “Bulldog 1998”, gravato da numerosi pregiudizi di polizia per reati contro la persona, danneggiamento, associazione per delinquere, discriminazione razziale, lancio di materiale pericoloso in occasione di manifestazioni sportive, resistenza a pubblico ufficiale e stupefacenti”, annota il Gip di Genova.

Da anni è anche il volto più in vista del gruppo degli italiani partiti per il Donbass. “Le battaglie di un fascista di oggi sono state l’amore e la difesa della patria, soprattutto da ingerenze esterne, la difesa della famiglia, il rispetto della tradizione e della religione”, aggiungeva nell’intervista alla giovane russa, rivendicando la sua militanza. E a rafforzare la sua vicinanza a Palmeri la sorridente Osipova si è poi fatta fotografare abbracciata al “Generalissimo”.

Andrea Palmeri viene ritenuto dai magistrati vicino al partito di Roberto Fiore: “È un camerata – spiegava Gnerre in una intercettazione ambientale – viene pure da Forza nuova (…) è un grande!”. E lo stesso Gnerre nel corso del Forum di San Pietroburgo avrebbe avuto un contatto con il partito di estrema destra, sostenendo di “essere amico del leader di Forza Nuova, Fiore Roberto, il quale, durante il convegno tenutosi a San Pietroburgo nel mese di marzo 2015, gli aveva asseritamente fatto delle proposte di collaborazione”, scrivono i magistrati di Genova.

Patti, contatti, alleanze nella Russia di Putin

L’incontro di San Pietroburgo è il primo evento dove i legami stretti tra i partiti e movimenti della destra dell’Europa occidentale e orientale sono emersi apertamente. Nel documento finale la questione Ucraina è definita un affare interno, “ma che senza dubbio coinvolge molto di più la Russia rispetto ad altri paesi”. E Mosca “non può rimanere indifferente rispetto a questa situazione”. Se il fronte ucraino era il tema caldo del Forum, la discussione finale puntava ad una alleanza di ampio respiro: “Noi siamo forze conservative – si legge nel documento finale – (…) e l’attività più importante a nostro avviso deve essere il ritorno alle tradizioni, con un alto tasso di natalità”. Dio, patria e famiglia.

3 agosto 2018

Ordo ab Chao – Ordine dal caosultima modifica: 2018-08-04T06:51:46+02:00da iskra2010
Reposta per primo quest’articolo