Quando Time esalta certi ceffi i “democratici” Usa stanno lavorando alla devastazione dell’Europa

Sezioni comuniste Gramsci-Berlinguer

per la ricostruzione del P.C.I.

di Andrea Montella

    

 

Carissime compagne e compagni

Time ha dedicato la copertina della sua rivista a Matteo Salvini: dato che in passato Time ha già esaltato figure europee della portata criminale di Mussolini e di Hitler, c’è da preoccuparsi per l’attuale edizione intitolata “Il nuovo volto dell’Europa”. Alla faccia del nuovo…

Come mai tanto spazio da parte dei massocapitalisti imperialisti Usa a vecchie politiche reazionarie?

E’ sotto gli occhi di tutti che la crisi di sovrapproduzione che sta mordendo sul collo il sistema capitalistico, nel contempo favorisce la comunista Cina popolare, creando le condizioni di uno spostamento politico dell’Europa verso l’area economica asiatica capace di assorbire il surplus di merci prodotte dalle aziende occidentali, grazie al miglioramento costante delle condizioni di vita della loro popolazione. Per giungere a tale scopo serve un presidente adatto allo scopo, come il reazionario Donald Trump: il distruttore.

Quello “democratico” lo useranno nella seconda fase, quella della ricostruzione a tasso agevolato.

Per fermare questa deriva, iniziata negli anni Settanta con la crisi petrolifera e la politica di apertura cinese, la cosiddetta politica del ping-pong, per gli Usa e i loro fratelli di loggia anglosassoni, occorreva prima di tutto disgregare l’Europa per frenarne lo spostamento ad Est creando le condizioni economiche e politiche, se necessarie, anche per una terza guerra mondiale. Cosa già sperimentata con la prima e seconda guerra mondiale.

Ed ecco come per incanto nascere in Europa, nel 1992, tre anni dopo la caduta del Muro di Berlino, il progetto Eurotopia (* ) utile per i massocapitalisti per portarci alla guerra e sorto grazie ai contributi della Fondazione del “birraio” Heineken, una birra che ha nel suo marchio un chiaro messaggio massonico-brigatista: il pentalfa.

Simbolo tanto caro al Pentagono, la struttura a capo delle strategie politico-militari degli Usa.

Un progetto quello della Fondazione del birraio olandese, che aveva tra i suoi massimi elaboratori l’agente britannico e professore di storia Cyril Northcote Parkinson (** ), che prevedeva la distruzione dell’Europa tramite la nascita di macroregioni su base etnico-razziale, quindi realtà politiche fortemente conflittuali tra loro, essendo il regionalismo nei fatti, un nazionalismo ancora più esasperato ed estremo, con in più un armamentario ideologico-religioso, che alimenta l’irrazionalità di massa, utile come è successo in Medio Oriente e nel Nord Africa a costruire i conflitti che oggi conosciamo.

Credo che anche in Europa si stia per imboccare quella strada, grazie ai media padronali che subdolamente come Time amplificano le gesta di questi loro agenti a casa nostra: sicuramente i massocapitalisti atlantici avranno già collocato, qui da noi, una serie di Abū Bakr al-Baghdādī in versione padana, ariana, celtica, ugrofinnica, pronti a distribuire irrazionalità, razzismo e odio in cambio di soldi e belle donne.

Fanno parte della sceneggiata, utili a rafforzarne l’immagine e a distrarre le masse proletarie dai veri problemi, le finte diatribe tra Salvini, Macron e Pierre Moscovici. Nella sostanza poi tutti e tre fanno le stesse politiche utili al sistema capitalista nella sua fase imperialista: scaricare sulle masse proletarie d’Italia, di Francia e di ogni paese europeo, i costi della crisi.

Lo stesso ragionamento lo dobbiamo applicare per le diatribe che possono sorgere all’interno del governo giallo-verde utili per giungere, in Italia, a possibili fenomeni di disgregazione, progetto che la Lega non ha mai realmente abbandonato.

Quindi alla luce di tutto quanto detto pensate che in Europa, agglomerato di nazioni ristrutturate dopo la seconda guerra mondiale dagli Usa, sia a livello economico che politico-militare, possano sorgere formazioni di centrodestra o di centrosinistra capaci di reale autonomia dai massocapitalisti angloamericani? Soprattutto dopo la caduta del Muro di Berlino? Chi credete abbia messo al potere personaggi come l’ungherese Orban? Chi sta finanziando l’estrema destra in Germania, Polonia, Lettonia, Estonia, ma soprattutto in Ucraina? E in Italia chi c’è dietro a Salvini-Lega, CasaPound, Forza Nuova e il gruppo sociale che li sostiene qui da noi? Gli stessi che hanno costruito il progetto Eurotopia. Costoro si muovono su scala planetaria, come le loro merci, ed hanno paura solo del Comunismo e della conseguente fine della mercificazione degli esseri umani in salariati.

Per questa ragione noi comunisti affermiamo che per bloccare la politica della guerra imperialista e della trasformazione dei proletari in merce da cannone, tramite i vari nazionalismi, regionalismi o guerre di religione, occorre una proposta di amplissimo respiro come l’Eurocomunismo (*** ).

 

Quando Time esalta certi ceffi i “democratici” Usa stanno lavorando alla devastazione dell’Europaultima modifica: 2018-09-17T06:28:59+02:00da iskra2010
Reposta per primo quest’articolo