LA FAKE NEWS SU COME E CHI HA GENERATO DEBITO PUBBLICO

Sezioni comuniste Gramsci-Berlinguer

per la ricostruzione del P.C.I.

di Andrea Montella

Carissime compagne e compagni

guardando la classifica, riportata qui sotto, dei primi ministri e quindi dei governi che hanno generato o contenuto il debito pubblico possiamo giungere a diverse conclusioni e capire meglio certi gravi accadimenti politici ed economici avvenuti contro il nostro paese ma di ispirazione Usa e Nato.

Guardando la classifica si nota che i governi democristiani, nati dopo la lotta di Liberazione dal nazifascismo e abbastanza in linea con il programma economico sociale della Costituzione, grazie alla politica di Aldo Moro e Mattei e sotto l’attenta vigilanza di una vera opposizione di sinistra guidata dal P.C.I. di Togliatti, il debito pubblico era praticamente inesistente.

E’ solo con l’arrivo dei governi guidati da Bettino Craxi e con il suo attacco alle conquiste dei lavoratori e delle masse popolari e l’accettazione del primato dei bisogni dell’impresa capitalistica, che si ha una impennata del debito pubblico, che non si arresterà più sino ai nostri giorni. La ragione di questa continua ascesa del nostro debito pubblico è dovuta al fatto che l’indebitamento delle imprese e banche è stato scaricato nel debito pubblico facendolo quindi pagare a tutti noi, considerati con i giapponesi i più virtuosi al mondo nel risparmio.

Questa scelta di attacco politico-economico è stata voluta dai banchieri d’affari, come i Rothschild, i Rockefeller, i Morgan e dai grandi speculatori finanziari come George Soros, grazie alla complicità di chi ha governato il nostro paese dopo l’uccisione di Aldo Moro, strenuo difensore assieme a Enrico Berlinguer della nostra autonomia nazionale portatrice di quei valori nati nella Resistenza, che dovevano essere portati, Costituzione alla mano, nel processo di unificazione europea. Politica che non ha nulla a che vedere con quelle dei governi nati con l’illegale riforma elettorale del 1993 che introdusse il truffaldino maggioritario. Bisogna prendere atto che i governi Berlusconi e Pd e gli attuali Salvini-Di Maio sono tutti eredi del programma anticostituzionale politico-economico della loggia massonica P2.

Come previsto nel Piano della P2 e dai governi affiliati alla loggia, vengono fatti lievitare i tassi d’interesse, tanto che dal 1980 (due anni dopo il rapimento e l’uccisione di Moro) al 1992/’93 – strategia delle bombe e della Trattativa Stato/mafia – il debito da 114 passa a 847 miliardi di euro. Contemporaneamente crescevano le spese per i tassi di interesse che arrivavano a punte del 18 %; a fronte di un avanzo primario di 409 miliardi di euro gli interessi pagati nel decennio in questione ammontano a ben 2.230 miliardi di euro, costituendo questi il vero motivo di crescita del debito pubblico e non gli investimenti sociali.

Come possiamo notare, il nostro paese ha subito un vero e proprio attacco politico, economico e militare con omicidi selettivi come quello di Moro e Berlinguer, che si opponevano a queste scelte e proponevano con il compromesso storico la continuazione di quel patto, nato durante la Resistenza, che prevedeva la possibilità dei comunisti di far parte nei governi del nostro paese.

L’imperialismo Usa e la Nato c’hanno tolto la libertà e la dignità conquistata con la lotta di Liberazione e hanno costruito dei partiti finti senza un reale radicamento sociale e che sono frutto di una realtà virtuale, quindi fasulla, promossa da media asserviti in quanto espressione della proprietà privata dei massocapitalisti.

Saluti comunisti

DEBITO-PUBBLICO-schema

LA FAKE NEWS SU COME E CHI HA GENERATO DEBITO PUBBLICOultima modifica: 2018-10-13T06:12:06+02:00da iskra2010
Reposta per primo quest’articolo