Massoneria: tra il dire e il fare c’è di mezzo… la mazzetta

Sezioni comuniste Gramsci-Berlinguer

per la ricostruzione del P.C.I.

di Andrea Montella

Nel filmato che vi segnaliamo:

https://www.espansionetv.it/gate/2019/06/26/corruzione-primi-interrogatori-pennestri-resta-in-silenzio-dallindagine-emerge-il-suo-legame-con-la-massoneria/

è raccontato il ruolo svolto da un massone del Grande Oriente d’Italia, Antonio Pennestrì, nell’organizzare un giro di mazzette a dirigenti dell’Agenzia delle Entrate.

Gli indagati in perfetto stile massonico hanno deciso di rimanere in silenzio.

Ancora una volta i militanti dell’unico e vero partito della borghesia sono coinvolti nel malaffare del nostro paese. E questo ennesimo crimine contro la collettività può emergere grazie all’esistenza della nostra Costituzione – che è anticapitalista e quindi antifascista perché è antimassonica – che afferma, grazie a Palmiro Togliatti segretario del P.C.I., nell’articolo 18: «Sono proibite le associazioni segrete e quelle che perseguono, anche indirettamente, scopi politici mediante organizzazioni di carattere militare».

Questa storia criminale lariana mette in luce come funziona da parte dei massocapitalisti la penetrazione nei gangli fondamentali dello Stato e della società.

Combattere l’infiltrazione mafiomassonica nello Stato, nei media, nei partiti, negli ordini professionali, nelle religioni, è un dovere per ogni cittadino che fa della Libertà sociale e individuale il valore assoluto.

Come può essere libera una persona se è vincolata, nel partito-chiesa massonico, a questo giuramento: «Prometto e giuro di non palesare giammai i segreti della Massoneria, di non far conoscere ad alcuno ciò che mi verrà svelato, sotto pena di aver tagliata la gola, strappato il cuore e la lingua, le viscere lacere, fatto il mio corpo cadavere e in pezzi, indi bruciato e ridotto in polvere, questa sparsa al vento per esecrata memoria di infamia eterna. Prometto e giuro di prestare aiuto e assistenza a tutti i fratelli liberi muratori su tutta la superficie della terra».

Un giuramento che inoltre li vincola alla gerarchia internazionale massonica che fa della Francia e dei paesi anglosassoni, in particolare Gran Bretagna e Usa, i vertici di questa internazionale nera imperialista a cui tutti devono essere sottomessi e che a noi proletari – tramite il loro sistema economico, il capitalismo – estorcono plusvalore e tramite il controllo delle banche centrali e non, delle tasse e del debito pubblico e privato, ci rendono schiavi del loro sistema.

A questa dittatura si oppone solo chi ha coscienza di come funziona e che propone un nuovo sistema di valori che ha al centro l’Eguaglianza tra gli esseri umani, che si realizza solo se si supera il contratto economico che ci viene imposto dai massocapitalisti, che fa della differenza di valore dell’ora lavorata la sua base ideologica e ottiene la mercificazione umana e la nascita della figura del padrone.

Occorre quindi superare questa condizione materiale considerando che ogni ora di lavoro, qualsiasi tipo di lavoro si svolga, ha una sua utilità sociale e quindi è di valore eguale in quanto è un’ora della vita di una persona, che tra loro hanno il medesimo valore. Questa è la vera Eguaglianza, che non è compatibile con il corrotto capitalismo, ma solo con il Comunismo.

Massoneria: tra il dire e il fare c’è di mezzo… la mazzettaultima modifica: 2019-06-30T06:05:22+02:00da iskra2010
Reposta per primo quest’articolo