Chi sono e cosa fanno le quattro Sardine?

Sezioni comuniste Gramsci-Berlinguer

per la ricostruzione del P.C.I.

I PESCI PUZZANO SEMPRE DALLA TESTA

di Andrea Montella

Carissime compagne e compagni

leggendo le interviste di quei giovani proclamati dai media massocapitalistici “leader” delle Sardine si nota che sono per la modifica della Costituzione, come proposta dal sinistro Matteo Renzi, dicono di non conoscere cos’è la massoneria nonostante le numerose inchieste giudiziarie aperte su questa organizzazione capitalista collusa con mafie e tutti i poteri economici del pianeta ma propongono Mario Draghi presidente della Repubblica pur sapendo che è iscritto a 5 logge massoniche: la “Edmund Burke”, la “Three Eyes”, la “White Eagle”, la “Compass Star-Rose” e la “Pan-Europa”. Che cose strane succedono…

Questi quattro rampolli mediatici aprono società all’insaputa di tutto il movimento. Ancora una volta la democrazia, che è fatta di costante partecipazione e decisione sui territori, viene mortificata ed eterodiretta dai soliti poteri che controllano i media nazionali e internazionali.

Le decine di migliaia di persone che in buona fede hanno partecipato alle mobilitazioni sono mosse da un sincero spirito democratico che può trovare un positivo sbocco solo con la rinascita dal basso delle Sezioni comuniste per la ricostruzione del P.C.I. di Gramsci, Togliatti, Longo e Berlinguer il Partito che dall’esperienza della lotta di Liberazione dal nazifascismo seppe meglio di tutti coniugare partecipazione dal basso e democrazia costituzionale. Come durante la Resistenza i comunisti hanno l’onere e l’onore di riportare la democrazia nel nostro paese, toltaci con le bombe e gli omicidi della Strategia della tensione di matrice NATO e con le bombe e le stragi del ’92-’93 e la Trattativa Stato-mafia.

Quindi nostro compito è quello di ricostruire la Prima Repubblica e la Costituzione del 1948.

Buon anno a tutti e saluti comunisti

Chi sono e cosa fanno le quattro Sardine?ultima modifica: 2019-12-31T06:28:30+01:00da iskra2010
Reposta per primo quest’articolo