L’ANTICOMUNISMO ATLANTICO, IN TUTTE LE SUE FORME, E’ IL VERO NEMICO DELLA PACE E DELLA SOLIDARIETA’ TRA I POPOLI

Sezioni comuniste Gramsci-Berlinguer

per la ricostruzione del P.C.I.

di Andrea Montella

Carissime compagne e compagni

il 4 gennaio il criminale internazionale Donald Trump ha dichiarato nel corso di una conversazione col suo amico Nigel Farage, il Salvini d’Oltre Manica, alimentando la tensione politica internazionale, che per il nostro paese sarebbe meglio l’uscita non solo dall’euro, ma dall’Unione europea, fregandosene del fatto che l’Italia è uno degli stati fondatori ( * ).

Da questa dichiarazione di guerra all’Italia e all’Europa da parte dai massocapitalisti Usa si devono trarre logiche deduzioni: il sistema imperialista Usa, assieme ai colonialisti della Gran Bretagna e ai sionisti di Israele, sono al vertice di ogni politica di destabilizzazione di questi decenni, dalle primavere colorate, a quelle arabe, alle proteste a Hong Kong, ai tentativi di golpe in Venezuela, a quelli in Libia, Bolivia e Brasile, al terrorismo in Africa, Asia e Medio Oriente. Questa dichiarazione di Trump è anche una chiara dimostrazione della forza egemonica dei massocapitalisti nel nostro paese che non ha visto una levata di scudi a causa del lavoro sistematico di falsificazione della storia in funzione anticomunista fatta dai massoni inseriti nei media e nelle università.

Quella dichiarazione in Italia trova sostenitori che vanno dai nazifascisti e reazionari come Forza Nuova, Casa Pound, Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia, a settori del M5S e PD, sino a giungere a formazioni che si definiscono comuniste come il Pc di Marco Rizzo.

Questi soggetti eterodiretti dall’imperialismo in giro per l’Europa possono diventare lo strumento di disgregazione degli interessi proletari e portarci tramite il nazionalismo alla guerra come è avvenuto nei Balcani.

Come contrastare le politiche imperialiste di Trump e dei suoi alleati in Europa? Con il rilancio dell’Eurocomunismo del P.C.I. di Enrico Berlinguer ( ** ), che aveva come obiettivo l’unificazione del proletariato del nostro continente aumentandone l’egemonia tramite la costruzione politica e non monetaria dell’Europa e la crescita di una politica di pace a livello internazionale.

Nel progetto eurocomunista si doveva mettere in cantiere una discussione sulla Costituzione e su quali valori immettervi, partendo dalla nostra Carta, se l’Europa doveva essere dei popoli o dei massocapitalisti, o neutrale e con una politica internazionale di pace e fuori dalla Nato, oppure ancora legata agli accordi di Yalta.

Noi comunisti crediamo che rilanciare quei temi serva da base per il dibattito sull’utilità strategica per la pace tra i popoli di una ripresa di un forte movimento comunista, l’unico movimento che ha sconfitto con la sua politica di pace i desiderata criminali dei massocapitalisti durante la prima e seconda guerra mondiale.

Saluti comunisti

L’ANTICOMUNISMO ATLANTICO, IN TUTTE LE SUE FORME, E’ IL VERO NEMICO DELLA PACE E DELLA SOLIDARIETA’ TRA I POPOLIultima modifica: 2020-01-08T06:18:14+01:00da iskra2010
Reposta per primo quest’articolo