CORONAVIRUS CIA, METABIOTICA E OMS DIMOSTRANO CHE LA SANITA’ NON E’ IN BUONE MANI

Sezioni comuniste Gramsci-Berlinguer

per la ricostruzione del P.C.I.

 

di Andrea Montella

Carissime compagne e compagni

vi prego di leggere con molta attenzione questo articolo uscito su il Fatto Quotidiano del 21 marzo scorso dove si afferma che l’azienda che traccia le epidemie, Metabiota, lavora per la Cia il pericolosissimo servizio segreto statunitense: Coronavirus, l’azienda che traccia le epidemie lavora per la Cia_il fQ 21 marzo 2020

La Metabiota, che lavora per i criminali servizi statunitensi specializzati in colpi di Stato e omicidi selettivi, stragi, guerre imperialiste e provocazioni di ogni genere, pandemie, è stata tra le prime ad aver visto emergere il Coronavirus. E a chi lo ha detto?

Ma una delle cose straordinarie che emergono nell’articolo de il Fatto Quotidiano è che questa azienda, molto sospetta e che lavora con In-Q-Tel, il fondo di venture capital della Cia, ha collaborato con l’Organizzazione Mondiale della Sanità nel 2014, durante l’epidemia di Ebola in Sierra Leone.

I fatti contenuti nell’articolo, dimostrano in quali cattive mani si trova la Sanità a livello mondiale e conseguentemente le vite degli esseri umani, controllate dai peggiori servizi segreti che non si fanno scrupoli nel diffondere le pandemie, se esse servono agli scopi politici e sociali dei propri padroni, i massocapitalisti. Quell’uno per cento della popolazione mondiale che esercita sugli Stati la propria dittatura tramite il controllo dell’economia, i media e le formazioni politiche anticomuniste presenti nei vari Parlamenti.

L’articolo dimostra che una delle lotte prioritarie che i comunisti e i popoli devono svolgere è quella della LIBERAZIONE della Scienza dai condizionamenti delle imprese private e dalle loro egoistiche logiche di profitto.

Buona lettura e saluti comunisti

CORONAVIRUS CIA, METABIOTICA E OMS DIMOSTRANO CHE LA SANITA’ NON E’ IN BUONE MANIultima modifica: 2020-03-25T07:50:54+01:00da iskra2010
Reposta per primo quest’articolo