IL DECLINO DELL’IMPERIALISMO USA MOSTRA ANCHE AL SUO PROLETARIATO IL SUO VERO VOLTO, QUELLO FASCISTA E RAZZISTA

di Andrea Montella

Quello che sta accadendo in questi giorni negli Usa, a seguito dell’ennesima uccisione di una persona di colore da parte della polizia, ha scatenato la ribellione della popolazione in quasi tutto il paese, sino a costringere il presidente Trump a rifuguarsi nel bunker della Casa Bianca.

Questa ribellione si è creata a seguito di tre fattori, la crisi da sovrapproduzione, la crisi del sistema sanitario messo in evidenza dalla pandemia da Covid-19 e dal razzismo sempre più manifesto da parte delle classi al potere e che vede nell’assassinio dell’afroamericano George Floyd l’ultima crudele dimostrazione. Questi tre elementi hanno portato in ebollizione la pentola della lotta tra le classi nel paese guida del capitalismo mondiale.

Chissà come leggeranno questi avvenimenti i protestatari di Hong Kong? Che continuano a inneggiare alle “stupefacenti conquiste di libertà e democrazia occidentali” e a innalzare le bandiere statunitensi e britanniche.

Noi compagni delle Sezioni comuniste Gramsci-Berlinguer per la ricostruzione del P.C.I. siamo dalla parte di chi protesta negli Usa contro le guerre imperialiste, gli embarghi, il razzismo, la pessima sanità, la disoccupazione, i salari da fame, la mancanza di democrazia, la cattiva e faziosa informazione, la giustizia di classe, la scarsa istruzione, la speculazione edilizia, ecc., cose che accadono quotidianamente in quel paese e che sono descritte in modo molto realistico nei loro film e telefilm che le nostre Tv private ci propinano massicciamente per diseducarci alla solidarietà ed educarci a quegli stili di vita basati sulla violenza e la brutalità.

Come comunisti siamo coscienti che la protesta di piazza, se pur necessaria, non è sufficiente per far uscire quel popolo dalla crisi in cui si trova, occorrerà una profonda riflessione sulla pochezza della loro democrazia maggioritaria e sui valori fondanti la loro nazione e Costituzione, il profitto e lo sfruttamento dell’uomo sull’uomo che sono alla base del pensiero razzista.

Se sapranno fare questo saranno anche di aiuto a tutti noi proletari europei che, abbagliati dalla loro statua della libertà, abbiamo trasformato, peggiorandolo anche il nostro paese, che era una Repubblica democratica basata sul lavoro, l’eguaglianza e la solidarietà.

Propongo di organizzare delle manifestazioni in tutta Italia a favore della lotta dei proletari Usa, come inizio della rinascita dell’internazionalismo proletario comunista.

Saluti comunisti

______________________________________

* tesi versione pdf

IL DECLINO DELL’IMPERIALISMO USA MOSTRA ANCHE AL SUO PROLETARIATO IL SUO VERO VOLTO, QUELLO FASCISTA E RAZZISTAultima modifica: 2020-06-02T07:17:21+02:00da iskra2010
Reposta per primo quest’articolo