Dens dŏlens 263 – Brutto dirlo ma l’avevamo detto!

di MOWA

Ascoltando l’audizione dell’ex Colonnello dei Carabinieri Michele Riccio, alla Commissione parlamentare di inchiesta sul rapimento e sulla morte di Aldo Moro, del 27 aprile u.s.,

(qui riprodotta cliccando sopra l’immagine)

non sapevamo se congratularci con noi stessi per quanto detto da decenni o arrabbiarci perché rimasti inascoltati da parte di chi aveva strumenti e mezzi per fare qualcosa.

Un grandissimo merito sul portare alla luce la verità dei fatti va sicuramente a Sergio Flamigni che, nel tempo, ha analizzato tutte le contraddizioni sostenute da più parti e non si è fatto fuorviare da chi voleva portarlo fuori strada in merito alle sue deduzioni che sono arrivate con un anticipo di anni rispetto a quanto detto in audizione dall’ex investigatore Colonnello dei Carabinieri, Michele Riccio.

In particolar modo siamo rimasti positivamente colpiti, quando, al minuto 41 50” circa, l’ex Colonnello dei Carabinieri Michele Riccio, parlando delle stragi del 1992-93, indica l’intreccio tra destra extraparlamentare (in particolar modo ordinovista), parti istituzionali, servizi “deviati” e certi ambienti della politica, e cioè gli stessi soggetti che ispirarono le azioni del 1973-74 (strategia della tensione).

Riccio parlando del mentore del suo informatore Luigi Ilardo, il massone Ghisena (prima che Ilardo venisse ucciso nel 1996 davanti casa sua, dietro corso Italia a Catania, una settimana dopo la richiesta ufficiale di collaborare con la giustizia, era vice-rappresentante provinciale della famiglia mafiosa di Caltanissetta, ma era, anche, nipote del capo di Cosa Nostra Ciccio Madonia, nonché, cognato del latitante brindisino Giovanni Ghisena), sostiene che Ilardo disse che fu proprio Ghisena colui che portò “in casa sua [di Ilardo ndr] Luciano Liggio” e che fu, sempre questi (il “massone affliato ai servizi segreti […] SID” Ghisena) l’artefice del sodalizio tra la ‘ndrangheta calabrese e la mafia siciliana di Domenico Tripodi, Santapaola e Madonia.

La cosa che dovrebbe far riflettere il mondo politico ed in particolar modo quei compagni che nutrono ancora qualche dubbio su quanto sosteniamo da anni sulle “Brigate Rosse” è che questa formazione non è “la favola romantico-narrativa raccontata al mondo intero” ma che, in realtà, è quanto di più squallido possa esistere. Infatti, parlando di Torino, continua l’investigatore nell’audizione di Commissione, il massone Ghisena (“primo arresto nel ’75”) aveva contatti da diversi anni (sicuramente dal ’76-’77) con i brigatisti rossi ed un “imprenditore in rapporti con il Grande Oriente […] sui 50-55 anni”. Alla comunicazione – seguita l’investigatore – sia Mori che Caselli fecero un salto sulla sedia.

È a questo punto che molti dovrebbero rileggere alcuni brani scritti su questo sito rispetto ai diversi capi storici delle Brigate Rosse che tutto hanno fuorchè il comunismo nel cuore.

Dovremmo, ri-ascoltate le parole dell’investigatore e ripassare man mano tutte quelle storpiature politico-giornalistiche dei vari soggetti che si sono resi correi di una accomodante revisione storica del periodo che va dagli anni del dopo-guerra sino alla distruzione del più grande soggetto europeo comunista, il P.C.I. con l’intento di produrre caos e disorientamento politico tendente all’individualismo e all’eliminazione della solidarietà di classe.

Un progetto che è stato congeniato nei piani “alti” della nostra società ma che ha avuto manovali nei vari gradini del paese e che deve farci dire che tutto ciò deve essere ripreso e rianalizzato per mettere alla gogna (se serve) quelle categorie industriali, politiche e così via, che ci hanno portato pian piano alla rovina ma, partendo dall’assunto indiscutibile che prima occorre un soggetto politico che abbia le identiche basi che aveva il P.C.I.. L’unico soggetto che è stato capace di fermare le varie derive autoritarie provenienti sia dall’Occidente che dalla vicina ed ormai compromessa Unione Sovietica e rimanere fedele ai propositi costituzionali che sono stati il frutto di una sapiente analisi di cosa produsse il fascismo e quali danni poteva ancora arrecare se si fosse dato ascolto alle sirene culturali della violenza mazziniana. Cultura che parte e approda nelle logge che hanno tanto favorito sistemi solo ed eclusivamente capitalistici… e che (com’è nel loro modo di agire), non hanno mai ammesso.

Dens dŏlens 263 – Brutto dirlo ma l’avevamo detto!ultima modifica: 2017-05-03T03:56:33+00:00da iskra2010
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento